Facebook dispositivo persuasivo ed emologante (aut aut – Carmilla)

http://www.carmillaonline.com/archives/2010/11/003675.html

di Maria Maddalena Mapelli
Saggio pubblicato sul n. 347 della rivista Aut Aut, “Web 2.0. Un nuovo racconto e i suoi dispositivi”, luglio-settembre 2010

Facebook [1] – quattordici milioni [2] di utenti italiani – è un dispositivo social (siamo tutti “amici”) e sicuramente di successo (ma come, non sei su Facebook?), ma è anche un dispositivo persuasivo , nel senso che induce comportamenti automatici e prevedibili (ci vuole, appunto, tutti veri e social ) e al tempo stesso omologante, nel senso che induce, in noi utenti, assetti identitari, modalità di interazione e di narrazione, regimi di visibilità che ci rendono seriali e simili.

Continua su Carmilla, qui http://www.carmillaonline.com/archives/2010/11/003675.html

Annunci

Tag:

2 Risposte to “Facebook dispositivo persuasivo ed emologante (aut aut – Carmilla)”

  1. Kaysersose Says:

    Leggendo su Carmilla il saggio su Facebook UN DISPOSITIVO OMOLOGANTE E PERSUASIVO mi restano dei dubbi.

    Due aspetti in particolare mi sembrano sottovalutati.
    1) La tecnica e la realtà
    Faceva notare Galimberti (Le idee,…. ) che con la tecnica abbiamo sempre avuto a che fare, la realtà è sempre stata mediata dalla tecnica. Allora, dico io, la realtà è sempre stata conformata dalla tecnica, non esistono una realtà virtuale ed una realtà fisica tra loro separate. La “realtà virtuale” è solo un ossimoro che segnala la novità costituita da nuove forme di realtà. Ma queste nuove forme non sono meno reali delle realtà precedenti, ad esempio i pianeti che Galileo vedeva attraverso il suo cannocchiale.
    2) Il tempo reale che sostituisce il real time.
    Facebook rientra in un meccanismo descritto da Baudrillard di accelerazione dei processi sociali. Qui molta gente comincia a confondere la risposta immediata, il real time, con la realtà. Ciò che è stato appena prodotto appare più reale di ciò che è consolidato. Non sarà razionale ma corrisponde agli archetipi che la società dei consumi instilla nelle persone. Archetipi evidentemente funzionali a stili di consumo.

    Su questi temi potrebbe essere interessante discutere.
    O magari ci scriverò un articolo io.

    KS

    (si prega di rimuovere precedente commento inserito in posizione meno appropriata)

  2. Damiano Rama Says:

    buongiorno, sono un laureato in Filosofia con una tesi in Pedagogia e sto prendendo una seconda laurea in Scienze Umane a Paris 5 “Descartes” – Sorbonne
    Sto citando il suo interessante articolo nella tesi che sto scrivendo, sulle “pratiche dell’oralità” e della costruzione di sè che hanno luogo utilizzando la rete.

    Ho letto che ha scritto una tesi di dottorato all’EHESS il cui titolo mi pare estremamente interessante, ma sulla sezione delle tesi in linea del sito dell’EHESS però non risulta alcuna tesi consultabile a suo nome.
    Sarebbe possibile accedervi in qualche maniera?

    Se desiderasse avere una copia della mia tesi (o del capitolo in cui utilizzo il suo materiale) basta solo che me lo faccia sapere, naturalmente.
    La ringrazio in anticipo e la saluto cordialmente
    Damiano Rama

    damiano.rama@etu.parisdescartes.fr
    ramadamiano@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: